Nuove semplificazioni fiscali

L’art. 16 comma 1-bis del D.L. n. 124/2019 – decreto fiscale collegato alla legge di bilancio 2020, in corso di conversione – introduce novità in materia di semplificazioni fiscali.
Tra le previsioni che mirano a semplificare e ridurre gli adempimenti dei contribuenti, importanti novità hanno come oggetto esterometro ed imposta di bollo. Nello specifico si vuole ridurre la frequenza delle comunicazioni dei dati concernenti le operazioni (cessione di beni e prestazione di servizi) effettuate e ricevute da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato (cd. esterometro).
Il decreto fiscale modifica riguarda l’art. 1 comma 3-bis del D.Lgs. del 5 agosto 2015 n. 127, relativo alla periodicità e alla scadenza dell’esterometro che ne prescriveva l’invio mensile, entro l’ultimo giorno del mese successivo alla data del documento emesso o alla data di ricezione del documento che attesti l’avvenuta operazione.
La futura trasmissione dell’adempimento in questione, secondo quanto stabilito nel disegno di legge attuale, avverrà con cadenza trimestrale da effettuare entro la fine del mese successivo al trimestre di riferimento; quindi le comunicazioni da inviare saranno 4, una per ciascun trimestre.
In mancanza di disposizioni espresse e di indicazioni dell’Agenzia Entrate, anche se le novità del decreto fiscale devono ritenersi già in vigore, è consigliabile inviare l’esterometro di dicembre con l’attuale scadenza fissata in data 31/12.
L’art. 17 comma 1-bis del decreto interviene altresì sul versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche. Per importi annui non superiori a euro 1.000,00 la nuova norma introduce la facoltà di versare l’imposta di bollo dovuta con due diverse scadenze, fissate nelle date del 16 giugno e del 16 dicembre di ogni anno mentre l’attuale liquidazione dell’imposta è fissata il giorno 20 del mese successivo al trimestre di riferimento.