Tasse: proroga al 20 luglio senza interessi

Con la pubblicazione del Dpcm in Gazzetta Ufficiale il 29 giungo 2020 è stata resa ufficiale la proroga al 20 luglio dei versamenti in scadenza al 30 giugno, precedentemente annunciata tramite un comunicato del MEF.

La proroga è rivolta a tutti i contribuenti, per dare la possibilità di onorare i versamenti nonostante le difficili condizioni derivanti dal lock down e coinvolge non solo i soggetti ISA, ma anche:

  • i contribuenti che adottano il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità;
  • coloro che applicano il regime forfetario;
  • i contribuenti che partecipano a società, associazioni e imprese in regime di trasparenza fiscale;
  • i soggetti che presentano cause di esclusione o di inapplicabilità degli ISA.

Il Dpcm è composto da un solo articolo e stabilisce che questi soggetti sono tenuti a versare le somme dovute entro il 20 luglio 2020 senza alcuna maggiorazione oppure entro il 20 agosto 2020 con una maggiorazione dello 0,4%, a titolo di interesse; in particolare rientrano nella proroga:

  • i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi (principalmente IRPEF e IRES), e dell’IVA correlata agli ulteriori componenti positivi dichiarati per migliorare il profilo di affidabilità;
  • i versamenti delle imposte sostitutive, come IVIE e IVAFE o cedolare secca sulle locazioni, purché si tratti di soggetti che hanno i requisiti per beneficiare della proroga;
  • i versamenti dell’IRAP qualora non sussistano le condizioni per l’applicazione dell’art. 24 del decreto Rilancio, che prevede l’abbuono dei versamenti del saldo 2019 e del primo acconto 2020 per i soggetti con ricavi o compensi non superiori a 250 milioni di euro nel periodo d’imposta 2019.

Segnaliamo altresì che in questi giorni si sta discutendo di un’eventuale ulteriore proroga al 30 settembre del termine per i versamenti relativi alle dichiarazioni dei redditi e dell’Irap 2020.