Le principali novità in materia di super-ammortamento e iper-ammortamento nel D.D.L. di bilancio

Il disegno di legge di bilancio è intervenuto anche in merito alla disciplina dell’iper e del super-ammortamento. I due provvedimenti rappresentano misure fiscali che consentono alle imprese di beneficiare di un ammortamento fiscale maggiorato rispetto al costo di acquisto di nuovi beni strumentali.

il D.D.L. ora in discussione alle Camere prevede la proroga dell’iper-ammortamento, ma non anche del super-ammortamento. Se non ci saranno modifiche nel testo definitivo, le possibilità di accesso alle misure saranno le seguenti:

  • il super-ammortamento troverà applicazione ancora sino al 30 giugno 2019, a condizione che entro la fine del 2018 il relativo ordine di acquisto risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura pari almeno al 20%;
  • Sarà prevista, invece la proroga dell’iper-ammortamento anche per il 2019 ma con rilevanti modifiche in ordine alla misura della agevolazione. Verrà infatti prorogato fino al 31 dicembre 2019, ed eliminata l’aliquota unica pari al 150% del costo di acquisizione, con l’applicazione però di tre nuove aliquote in relazione alla portata dell’investimento.

In particolare:

  • 150% per gli investimenti fino a 2,5 milioni di euro;
  • 100% per gli investimenti compresi tra 2,5 e 10 milioni di euro;
  • 50% per gli investimenti compresi tra 10 e 20 milioni di euro.

Nella nuova versione dell’iper-ammortamento è previsto quindi un tetto massimo agli investimenti: l’agevolazione, pertanto non troverà applicazione sulla parte di investimenti eccedenti i 20 milioni di euro.

La finalità è quella di supportare e incentivare le imprese che investono in beni strumentali nuovi, in beni materiali e immateriali (software e sistemi IT), funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi ed agevolare con le nuove tre aliquote soprattutto le piccole e medie imprese.

Per poter usufruire dell’agevolazione l’impresa dovrà produrre una dichiarazione del legale rappresentante, o una perizia tecnica giurata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale iscritti nei rispettivi albi professionali (se il costo di acquisizione è superiore a 500 mila euro), al fine di attestare:

  • che il bene possiede le caratteristiche tecniche tali da includerlo nell’elenco di cui agli Allegati A o B previsti dalla legge di stabilità 2017;
  • che il bene è interconnesso al sistema aziendale di gestione della produzione o della rete di fornitura.

Resta ferma l’applicazione, per cui l’iper-ammortamento non si applica, per i beni materiali strumentali con coefficiente di ammortamento inferiore al 6,5%, per i fabbricati e costruzioni e per i beni elencati nell’allegato 3 della legge di stabilità 2016.

 

digital tax