Riconoscimento facciale e privacy. Andersen commenta su Italia Oggi

In un articolo pubblicato su Italia Oggi, Paola Finetto – partner e avvocato specializzata in data protection e cyber security – approfondisce i temi della privacy e della protezione dei dati personali in relazione alle tecnologie di intelligenza artificiale per il riconoscimento facciale.

Grazie al forte sviluppo dell’Intelligenza Artificiale negli ultimi anni, sempre più Comuni italiani hanno deciso di adottare sistemi di riconoscimento biometrico per zone considerate critiche nelle rispettive città.

Sebbene questi sistemi di sorveglianza innovativi possano portare ad un maggiore controllo e a un accresciuto senso di sicurezza, “[…] il parlamento ha sollecitato la Commissione Ue a istituire un divieto permanente dell’utilizzo di sistemi di sicurezza biometrica, considerato che siffatti sistemi, in quanto anch’essi vulnerabili ed esposti ad attacchi hacker, possono comportare una compromissione ingiustificata delle libertà individuali e del diritto alla protezione dei dati personali”, come dichiara l’avvocato Paola Finetto a Italia Oggi.