Rent to buy: gli approfondimenti

Con il decreto legge 12.09.2014 n. 133, art. 23, convertito in legge 11.11.2014 n. 164 è stato riconosciuto e disciplinato nell’ordinamento il “rent to buy”.

Questa particolare tipologia contrattuale rientra nell’alveo dei contratti di godimento in funzione delle successiva vendita e si è progressivamente diffusa nella prassi per consentire di posticipare ad un momento futuro gli effetti finali di una compravendita immobiliare permettendo al potenziale acquirente di ottenere immediatamente la disponibilità dell’immobile e di imputare a pagamento del prezzo tutto o parte di quanto corrisposto per il godimento dell’immobile e, al potenziale venditore, di mettere a reddito l’immobile e reperire un acquirente.

Nella circolare allegata trovate le informazioni sui beneficiari, sui redditi rientranti nell’agevolazione e sulle caratteristiche dell’investimento.
Gli esperti Andersen & Legal sono a disposizione per fornire chiarimenti.