Novità sugli acquisti di carburante e sulle monete da 1 e 2 cent

Due novità sono state recentemente introdotte nel nostro ordinamento: l’obbligo di utilizzo di mezzi di pagamento tracciabili per la deducibilità e la detraibilità dell’IVA sugli acquisti di carburante e la soppressione delle monete da 1 e 2 centesimi di Euro.

La legge di bilancio 2018 (L. 205/2017) ha modificato l’articolo 164 del TUIR introducendo per imprese e professionisti, con decorrenza dal 1° luglio 2018, un’ulteriore condizione ai fini della deducibilità delle spese relative al carburante per autotrazione: l’obbligo di pagamento mediante carte di credito, carte di debito (bancomat) o carte prepagate emesse da operatori finanziari soggetti ad obbligo di comunicazione all’Anagrafe tributaria.

Elementi necessari nell’estratto conto ai fini della deduzione, la data, il corrispettivo e il soggetto presso il quale è effettuato il rifornimento. Il mezzo di pagamento dovrà essere intestato al soggetto che esercita l’attività economica. Le percentuali di deducibilità dal reddito rimarranno invariate.

Il DL 50/2017 ha sospeso a partire dal 1° gennaio 2018 la produzione di monete da 1 e 2 centesimi di Euro. Questa operazione ha portato all’arrotondamento dell’importo complessivo da pagare al multiplo di cinque centesimi più vicino per i pagamenti in contanti.

La circolare allegata fornisce ulteriori informazioni. I nostri professionisti sono a disposizione per fornire chiarimenti.