Moratoria di un mese per la prima trasmissione dei corrispettivi telematici

Tra gli emendamenti al Decreto Crescita (DL n. 34/2019), presentati nella giornata del 10 giugno dai relatori nelle commissioni Bilancio e Finanze della Camera, figura anche una moratoria in vista del nuovo obbligo, in vigore dal 1° luglio prossimo, di comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi ai corrispettivi giornalieri da parte di esercenti e commercianti.

Per tutto il primo semestre di vigenza dell’obbligo, i soggetti tenuti all’adempimento avranno infatti un mese in più per la trasmissione dei dati relativi a scontrini e ricevute, a patto che ciò non influisca sulla liquidazione di periodo. I dati potranno essere pertanto comunicati entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, senza alcun aggravio sanzionatorio.

Si ricorda che l’obbligo di invio dei dati relativi ai corrispettivi decorre dal 1° luglio prossimo esclusivamente per gli esercenti ed i commercianti con volume d’affari superiore a 400 mila euro.

Dal 1° gennaio 2020 l’adempimento riguarderà invece tutti i contribuenti che esercitano le attività di commercio al minuto di cui all’art. 22 del DPR n. 633/1972, con le sole esclusioni individuate dal decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 10 maggio scorso (corrispettivi relativi alle operazioni non soggette all’obbligo di certificazione dei corrispettivi, ai sensi dell’art. 2 del DPR n. 696/1996).

Si ricorda che la memorizzazione e l’invio telematico dei corrispettivi all’Agenzia delle Entrate farà venire meno l’obbligo di istituzione e tenuta del registro dei corrispettivi previsto dall’art. 24 del D.P.R. n. 633/1972.

Il nuovo adempimento sostituirà anche le modalità di assolvimento di certificazione fiscale dei corrispettivi medesimi in precedenza legato all’obbligo di rilascio della ricevuta o dello scontrino fiscale; resta fermo l’obbligo di emissione della fattura qualora il soggetto acquirente ne faccia esplicita richiesta non oltre il momento di effettuazione dell’operazione.

Monterrey, MexicoMonterrey, Mexico