Marco Giorgi co-autore del primo testo organico in italiano sul Diritto Giapponese

Giorgi ha redatto i due capitoli su Diritto Commerciale e Diritto dei Mercati Finanziari. È membro di associazioni quali la European Association for Japanese Studies (EAJS), l'Associazione Italiana per gli Studi Giapponesi (AISTUGIA) e l'Associazione Italo-giapponese per il diritto comparato (AIGDC).

Marco Giorgi, equity partner Andersen in Italy, esperto di diritto societario comparato e diritto del Giappone, è co-autore del volume Introduzione al diritto giapponese, edito da Giappichelli: il primo testo organico di introduzione allo studio del Diritto Giapponese in lingua italiana. La redazione è stata possibile grazie al contributo di accademici italiani e giapponesi.

Marco – membro anche delle associazioni European Association for Japanese Studies (EAJS), Associazione Italiana per gli Studi Giapponesi (AISTUGIA) e Associazione Italo-giapponese per il diritto comparato (AIGDC) – ha contribuito alla pubblicazione con due capitoli su Diritto Commerciale e Diritto dei Mercati Finanziari.

 

Il libro colma la lacuna del panorama editoriale scientifico italiano con un’indagine esaustiva del diritto del Sol Levante, la cui dottrina è stata fortemente influenzata tanto dai sistemi di civil law quanto dai modelli di common law, principalmente da quello statunitense. La natura ibrida del sistema giuridico giapponese pone spesso criticità interpretative al giurista italiano. La pubblicazione Introduzione al diritto giapponese vuole appunto superare la barriera della lingua e introdurre i lettori al complesso sistema giuridico del Giappone.

 

Autore di altre pubblicazioni su diritto societario, diritto dei mercati finanziari e diritto societario del Giappone e collaboratore di alcune riviste on-line di diritto (come FC Hub e Diritto Bancario), Marco Giorgi offre assistenza legale a imprese italiane per l’internazionalizzazione in Giappone e nelle operazioni di cross-border M&A.

Marco ha un dottorato in diritto societario comparato con una tesi sulla corporate governance giapponese, per la quale è stato insignito del premio «Giuscommercialisti in Erba» dall’associazione dei professori italiani di Diritto Commerciale. È stato inoltre visiting scholar alla Keio University di Tokyo.