La nuova tendenza dei NFT nel mondo dell’arte

Gli NFT, i non fungible token, sono stati protagonisti della cronaca degli ultimi mesi, suscitando stupore ed entusiasmo, ma soprattutto riflessioni su quelle che sono le implicazioni giuridiche di tale strumento per il mercato dell’arte. Gilberto Cavagna, Partner esperto di diritto dell’arte, riflette su tale fenomeno in un articolo pubblicato da Deodato Arte.

Richiamando un episodio che ha coinvolto un’opera dell’artista Banksy – comprata all’asta, bruciata in diretta, digitalizzata e rivenduta per il quadruplo del suo valore d’acquisto – l’avvocato Cavagna svolge alcune considerazioni in materia di autenticità, possesso e diritti d’autore quando si parla di crypto art, ossia arte digitale o digitalizzata che viene certificata (o meglio crittografata) tramite NFT.