DL Cura Italia: Fondo emergenze spettacolo, cinema e audiovisivo

I settori dello spettacolo, del cinema e dell’audiovisivo sono, sicuramente, tra quelli più colpiti dall’emergenza sanitaria e dalle conseguenti misure di contenimento del Covid-19.

Per questo, il Decreto Legge Cura Italia nel Titolo V, ha introdotto, con l’art. 89, importanti misure a sostegno dei citati settori, istituendo il Fondo emergenze spettacolo, cinema e audiovisivo, per complessivi €130 milioni per l’anno 2020. Il Fondo si divide in due “sottofondi”: il primo di €80 milioni, per la parte corrente, e il secondo di €50 milioni, per gli interventi in conto capitale.

Per le modalità di ripartizione e assegnazione delle risorse agli operatori beneficiari – inclusi  anche artisti, autori, interpreti ed esecutori – rimanda ad apposito decreto del MIBACT, da adottarsi entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto Cura Italia.

A queste iniziative si affiancano le altre misure straordinarie per il turismo e la cultura  (diverse dal Fondo Emergenze Spettacolo e Cinema previsto dal citato art. 89):

  • INDENNITÀ STRAORDINARIE PER I LAVORATORI DEL TURISMO E DELLA CULTURA Per i lavoratori dei settori turismo, cultura, spettacolo, cinema e audiovisivo, inclusi i lavoratori privi di ammortizzatori sociali.
  • TUTELE E AMMORTIZZATORI SOCIALI Estensione degli ammortizzatori sociali anche ai lavoratori stagionali del turismo e dello spettacolo e interventi a favore di autori, artisti, esecutori e mandatari.
  • SOSTEGNO ALLE IMPRESE DELLA CULTURA, DELLO SPETTACOLO E DEL TURISMO Sospensione dei versamenti delle ritenute, e di una serie di contributi e premi assicurativi.
  • RILANCIO DELL’IMMAGINE DEL PAESE ITALIA NEL MONDO Realizzazione di una campagna straordinaria di promozione dell’Italia nel mondo, anche con finalità turistiche e culturali.
  • VOUCHER PER BIGLIETTI CINEMA, TEATRI, MUSEI E CONCERTI I rimborsi con voucher già previsti per viaggi e pacchetti turistici annullati per l’emergenza Covid-19 vengono estesi ai biglietti per spettacoli, cinema, teatri, musei e altri luoghi della cultura.
  • VOUCHER ANCHE PER GLI ALBERGHI I rimborsi con voucher già previsti per viaggi e pacchetti turistici annullati per l’emergenza sanitaria includono anche i contratti di soggiorno.

Maggiori dettagli nella circolare allegata.