Manovra correttiva 2017 – Compensazioni e visto di conformità

The corrections of DL 50/2017 on tax credits off-setting and on the issue of a stamp of conformityL'intervento del DL 50/2017 sulle compensazioni dei crediti d'imposta e sull'apposizione del visto di conformità

Il DL 24 aprile 2017 n. 50 prevede l’inasprimento dei vincoli all’utilizzo in compensazione dei crediti d’imposta ai sensi dell’art. 17 del D.lgs. 241/97 (c.d. compensazione orizzontale), nonché la modifica delle modalità con le quali le stesse compensazioni potranno essere realizzate dai soggetti titolari di partita IVA. Sotto il primo profilo, viene prevista la riduzione, da 15.000 a 5.000 euro, della soglia oltre la quale l’utilizzo in compensazione orizzontale dei crediti per imposte dirette e IRAP è subordinato all’apposizione del visto di conformità.  Per l’IVA in particolare, è possibile utilizzare il credito IVA annuale in compensazione orizzontale oltre il limite di 5.000 euro solo previa apposizione del visto di conformità sulla dichiarazione IVA dalla quale emerge il credito stesso.

Si osserva, peraltro, che le novità normative in esame non influenzano la compensazione di crediti IVA trimestrali,  per i quali, a prescindere dall’importo, non è previsto l’obbligo di apporre il visto di conformità sul modello IVA TR.

Nei casi di utilizzo in compensazione dei crediti in violazione dell’obbligo di apposizione del visto di conformità, si procede al recupero dell’ammontare dei crediti utilizzati in violazione delle suddette norme e dei relativi interessi, nonché all’irrogazione delle sanzioni.

In sintesi, per effetto delle novità introdotte dal decreto in oggetto, il credito IVA annuale potrà essere compensato “orizzontalmente” nel modello F24 e senza la preventiva trasmissione della dichiarazione annuale, fino a 5.000 euro, dal primo giorno dell’anno successivo alla relativa maturazione.

I professionisti di Andersen & Legal sono a disposizione per ulteriori informazioni ed approfondimenti.