Compilazione della dichiarazione con fruizione dello sconto del saldo IRAP 2019

Con la circolare n.25/2020 l’Amministrazione Finanziaria è intervenuta per fornire importanti indicazioni in merito all’azzeramento del saldo IRAP 2019 e del primo acconto Irap 2020 così come previsto nell’articolo 24 del c.d. Decreto Rilancio (DL 34/2020).
L’articolo sopra citato ha infatti previsto l’esonero dal versamento del saldo IRAP 2019 nonché del primo acconto IRAP 2020, in misura quest’ultimo del 40% dell’imposta dovuta per i contribuenti non assoggettati agli ISA ovvero al 50% per quelli assoggettati.
Un importante ed atteso chiarimento è stato fornito in merito alla quantificazione del saldo d’imposta 2019. Quest’ ultimo, infatti, deve essere quantificato al lordo dell’eventuale eccedenza d’imposta a credito relativa all’annualità precedente. Pertanto, qualora si rientrasse in questa casistica, tale eccedenza non utilizzata per ridurre il saldo 2019 potrà essere recuperata, tramite l’indicazione della stessa nel rigo denominato “Eccedenza di versamento a saldo” nel modello IRAP 2020.
Ulteriore adempimento a carico dei contribuenti destinatari della sopracitata agevolazione sarà anche quello di indicare nel modello di dichiarazione il relativo aiuto di Stato. La compilazione dell’apposito rigo nel quadro IS va infatti effettuata senza fare riferimento al momento di effettiva fruizione del beneficio ma adottando il criterio di competenza.
Viene infine precisato che la compilazione del quadro relativo agli aiuti di Stato, così come viene definito nelle istruzioni relative al modello IRAP 2020, risulta essere una condizione necessaria ed indispensabile ai fini della legittima fruizione dello sconto IRAP. L’omessa compilazione del quadro IS potrebbe quindi portare alla decadenza del beneficio.

Mattia Dassi